Un copywriter inimitabile: Francesco Valentini e la sua creatività

Ricordate lo spot della Honda Civic trasmesso in tv nella seconda metà degli anni novanta?
O quello della maionese Kraft con il claim “un sapore così è una vera poesia“? Con  la recita di svariate poesie?
O ancora, il ketchup Mato Mato della Kraft? (Incredibile! basta scrivere il nome e ci si ritrova a canticchiare il jungle).
L’effervescente mente creativa dietro a queste pubblicità si chiama Francesco Valentini e lavora  in… Pensieri e Colori come direttore creativo e copywriter!

Ah, una delle poesie della maionese, Francesco l’aveva scritta scherzosamente per una fidanzata vera!

 

La pubblicità? È il Cupido tra le persone e il brand

Uno slogan ben congegnato vale più di mille parole.
Valeva nei decenni scorsi e vale a maggior ragione oggi, in un’epoca in cui i messaggi promozionali pullulano sui mezzi di comunicazione tradizionale ma anche sul web, sulle app e sui social network.

E, se la comunicazione prolifera, il pubblico diventa sempre più esigente. L’attenzione delle persone bisogna guadagnarsela. E tenersela stretta.

Per questo, la comunicazione pubblicitaria del XXI° deve essere più agile, autentica e divertente che mai. Non può tendere agguati e catturare il pubblico come un cacciatore con la preda.
Deve piuttosto conquistare i suoi destinatari e farli innamorare del brand, coltivando la fiducia nel marchio e alimentando il coinvolgimento delle persone giorno dopo giorno. Impegnativo? Eh sì. Si tratta di un processo complesso che richiede una grande capacità di analisi abbinata a una spiccata creatività e a una grande sensibilità linguistica.

Costruire slogan efficaci e contenuti capaci di coinvolgere e dialogare con il pubblico di riferimento, sono gli elementi indispensabili di una comunicazione che si fa amare. E per metterli a punto serve un Cupido esperto. Uno bravo, ovvero un copywriter creativo e con un’esperienza di tutto rispetto, proprio come il nostro Francesco Valentini.

Francesco, un predestinato al mestiere di copywriter

Fu presto chiaro quale sarebbe stato il futuro del ragazzo, creatore di giochi di parole MOLTO destabilizzanti fin dai tempi della scuola. (Un paio? “Non c’è più religione, si entra alla seconda ora” e, per i latinisti più raffinati, “O tempora o lampones“).
Dopo il diploma Francesco si iscrisse alla facoltà di Giurisprudenza. Ma il richiamo delle parole era irresistibile. Così il nostro, nel cuore degli smaglianti anni Ottanta, partecipò e vinse un concorso per la selezione di giovani talenti pubblicitari.

Francesco è catapultato nel lussureggiante mondo delle agenzie, dove si fa le ossa e collabora con alcuni dei creativi più creativi del periodo. Il suo cervello partorisce progetti di comunicazione e calembour e continua a farlo anche quando decide di lasciare la vita di agenzia per tuffarsi nella vita da freelance.

L’incontro con Pensieri e Colori e l’attività nella nostra agenzia

Come nella più classica delle storie d’amore Francesco e Pensieri e Colori si conoscono grazie a un’amica in comune, collaboratrice di Arché. Si annusano, si piacciono, collaborano a un paio di progetti e infine il copywriter decide di appendere al chiodo il suo ruolo da freelance per mettere radici nell’agenzia di comunicazione onlus di Milano.

I progetti che ricorda con più orgoglio? Il lavoro di comunicazione per La cura è di casa, un’iniziativa per il supporto domiciliare alle persone anziane per cui ha coniato il claim “Leggi tra le rughe”. Poi, l’incontro e il lavoro con clienti come La Gazzetta dello Sport e RCS MediaGroup.
Versatile e multitasking, oggi Francesco è il nostro direttore creativo e si occupa anche di curare i rapporti con i clienti attuali e futuri di Pensieri e Colori.

 

Ti piacerebbe scoprire che cosa lui e tutto il nostro team sono in grado di fare per la tua comunicazione? Puoi farlo subito!

Prenditi un attimo e chiamalo allo 02 3764 6052

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppShare